Premi

Durante gli anni Cinquanta e Sessanta, periodo di grande fervore intellettuale per il nostro Paese, era molto in voga tra le rassegne culturali la formula del Premio di pittura. Generalmente gli artisti ricorrevano a questo tipo di manifestazione, sia per ottenere un sostegno economico, lì dove il Premio si esprimeva tramite la modalità del Premio-acquisto, sia per avere una maggiore visibilità, lì dove il Premio contemplava nella propria giuria i principali critici dell’epoca.

Tali rassegne sono state un’importante testimonianza dell’evoluzione del linguaggio artistico del secondo Novecento, con particolare riferimento alle tendenze più innovative del ventennio postbellico. L’importanza dei Premi era soprattutto l’essere il centro del dibattito culturale, fornendo un valido spazio dialettico dove le varie correnti artistiche si confrontavano con la critica più rilevante del momento.

La formula del Premio-acquisto, inoltre, permise anche di realizzare, tramite appunto l’acquisizione delle opere, la creazione di molte collezioni permanenti di vari musei italiani di arte contemporanea.

Di seguito i principali Premi vinti da Piero Raspi :

  • 1985 Premio “San Valentino d’Oro” Terni;
  • 1964 Premio “Pittura Umbra” Perugia;
  • 1964 Premio “Marzotto” Valdagno;
  • 1963 Premio “Sassari” Sassari;
  • 1963 Premio “Michetti” Francavilla al Mare;
  • 1962 Premio “Esso” Roma;
  • 1961 Premio “E.Z.I.” Palermo;
  • 1961 Premio “Il Fiorino” Firenze;
  • 1961 Premio “Autostrada del Sole” Roma;
  • 1960 Premio “Spoleto” Spoleto;
  • 1960 Premio “Michetti” Francavilla al Mare;
  • 1959 Premio “Perugia” Perugia;
  • 1959 Premio “Il Fiorino” Firenze;
  • 1958 Premio “Il Taccuino delle Arti” Firenze;
  • 1957 Premio “Morgan’s Paint” Rimini;
  • 1957 Premio “San Fedele” Milano;
  • 1957 Premio “Alessandria” Alessandria;
  • 1956 Premio “Cesenatico” Cesenatico;
  • 1955 Premio “Centro Italia” Perugia;
  • 1955 Premio “Scipione” Macerata;
  • 1954 Premio “Il Paesaggio Umbro” Perugia;
  • 1954 Premio “Orvieto” Orvieto;
  • 1953 Premio “Suzzara ” Suzzara.
Nel suo studio a Via del Duomo. Spoleto 1953